I cittadini italiani residenti all'estero versano l'IMU alle scadenze ordinarie previste il 16 giugno (acconto) e 16 dicembre (saldo).

Dall'anno 2020 non è più considerata abitazione principale quella posseduta da cittadini italiani non residenti nel territorio dello stato e iscritti all'A.I.R.E.: l'esenzione, valida solo sino al 31 dicembre 2020, opera solo per i contribuenti già pensionati nei rispettivi paesi di residenza, a condizione che l'immobile non risulti locato.

Dall'anno 2021, con la Legge di Bilancio 178/2020 art. 1 comma 48, è prevista la riduzione alla metà dell'IMU dovuta sull'unica unità immobiliare, purchè non locata o data in comodato d'uso, posseduta in Italia da soggetti non residenti nel territorio dello Stato, che siano titolari di pensione maturata in regime di convenzione internazionale con l'Italia. (Per la stessa unità immobiliare il prelievo sui rifiuti, indipendentemente dalla sua natura, si applica in misura ridotta di due terzi).

Il pagamento

Il pagamento può essere fatto anche con bollettino di conto corrente postale, utilizzando il modello approvato dal DM 23/11/2012, riportante il numero di CC 1008857615 valido per qualsiasi comune. Il versamento va eseguito indicando il codice catastale del Comune di Mozzanica F786.

Se non fosse possibile utilizzare i modelli F24 e/o i bollettini postali, i residenti all'estero possono provvedere ai pagamenti della quota statale (nel caso di fabbricati D) effettuando un bonifico direttamente alla Banca d'Italia (codice BIC BITAITRRENT) codice IBAN IT02G0100003245348006108000 mentre per la quota comunale utilizzando l'Iban del Comune:

  • Banca popolare di Sondrio – Servizio di Tesoreria Comunale - Sportello Mozzanica piazza A. Locatelli
  • Iban conto in tesoreria:
    IT89C0569653420000000011X43
  • Codice BIC SWIFT (per i pagamenti dall’estero):
    P050IT22

Come causale di versamento devono essere indicati:

  • codice fiscale del contribuente o, in mancanza, il codice di identificazione fiscale rilasciato dallo stato estero di residenza, se posseduto
  • la sigla "IMU", il nome del Comune ove sono ubicati gli immobili e relativi codici tributo
  • l'annualità di riferimento
  • l'indicazione "acconto" o "saldo" nel caso di versamento in due rate oppure l'indicazione "acconto e saldo" nel caso di versamento in unica soluzione
  • l'indicazione "ravvedimento" qualora il pagamento eseguito riguardi la regolarizzazione di precedenti inadempimenti tributari (vedi scheda: ravvedimento operoso)

La copia delle operazioni di versamento deve essere inoltrata al Comune per i successivi controlli.