Comune di Mozzanica
Sei in: Skip Navigation LinksHome > News-Primopiano
PROTEZIONE CIVILE - Gruppo Intercomunale BERGAMO SUD
Indietro

NORME DI PREVENZIONE (aggiornamento scheda: luglio 2013)

a cura del GRUPPO INTERCOMUNALE BERGAMO SUD

NUOVA SEDE A MOZZANICA IN VIA E. MATTEI N. 7


(Comuni di Bariano - Morengo - Mozzanica - Pagazzano - Fornovo San Giovanni)

Il Gruppo Intercomunale Bergamo Sud ha realizzato un vademecum con lo scopo di fornire semplici, ma utili norme comportamentali in caso di pericolo.

I rischi che ci potrebbero interessare direttamente sono:

  • RISCHIO IDROGEOLOGICO
  • INCENDIO
  • RISCHIO CHIMICO
  • TERREMOTO
 IL RISCHIO IDROGEOLOGICO (Come comportarsi in caso di alluvione)
 
IN CASA
Se si risiede ai piani bassi in zone inondabili occorre rinunciare a mettere in salvo qualunque bene materiale e trasferirsi immediatamente in ambiente sicuro; eventualmente chiedere ospitalità ai vicini dei piani superiori. Evitare la confusione, fare il possibile per mantenere la calma, rassicurare coloro che sono più agitati. Aiutare le persone inabili e gli anziani. Se possibile staccare l'interruttore generale dell'energia elettrica e chiudere la valvola del gas.
 
FUORI CASA
Evitare l'uso dell'automobile se non in casi indispensabili. Se tuttavia ci si trova in aiuto, non tentare di raggiungere l'abitazione privata. E' opportuno trovare riparo presso lo stabile più vicino e sicuro. Ricordare che è molto pericoloso transitare o sostare lungo gli argini dei corsi d'acqua, peggio ancora sopra i ponti per vedere la piena.
Evitare di intasare le strade. Usare il telefono solo in caso di effettiva necessità per evitare il sovraccarico delle linee telefoniche: prestare la massima attenzione alle indicazioni fornite dalla Protezione Civile attraverso radio, TV o automezzi identificabili della Protezione Civile stessa. Occuparsi degli animali e liberarli se non possono essere condotti in un luogo più sicuro.
Prima di abbandonare la zona di sicurezza, accertarsi che sia stato dichiarato ufficialmente il cessato allarme.
 
 IL FUOCO (Come comportarsi in caso di incendio)
Mantenere la calma e chiamare subito i Vigili del Fuoco (115) fornendo utili indicazioni in merito. Se capaci e se a disposizione, usare i mezzi di estinzione. Se costretti ad abbandonare i locali in pericolo, ricordare di toccare la porta prima di aprirla, perchè, se è calda, vuol dire che il locale adiacente è già stato invaso dal fuoco, in caso contrario uscite e chiudete la porta alle vostre spalle.
Se siete bloccati nella stanza, chiudetevi dentro e se possibile bagnate la porta e chiudete tutte le fessure con stracci possibilmente bagnati e non aprite le finestre perchè il ritorno di aria propagherebbe l'incendio.
Per avvisare i soccorsi fatevi vedere dalla finestra senza rompere o aprire i vetri. Mentre uscite avvisate con calma i vicini del pericolo. Chiudete i rubinetti del gas e staccate la corrente elettrica. Non usare l'ascensore.
Se il fumo ha invaso i locali, distendetevi a terra e camminate carponi (il fumo tende ad andare verso l'ato) e copritevi la bocca con un fazzoletto possibilmente bagnato).

  IL RISCHIO CHIMICO (Come comportarsi in caso di nube tossica)

Le cause per questo tipo di incidente possono essere diverse:
  • errore umano
  • incidente stradale dove vengono coinvolti mezzi che trasportano sostanze chimiche
  • intemperie
  • incidenti di varia natura
In questi casi possono svilupparsi incendi o emissione di sostanze tossiche con conseguente inquinamento dell'ambiente.
 
 IN CASA
Chiudere bene porte e finestre e fermare gli impianti di aerazione (soprattutto quelli che attingono aria dall'esterno). Non rifugiarsi o sostare negli scantinati perchè si potrebbero accumulare alcuni vapori o gas più pesanti dell'aria. Disattivare gli impianti elettrici e del gas per evitare inneschi esplosivi.
 
ALL'APERTO
Coprire le vie respiratorie con un fazzoletto o simile a modo di filtro, possibilmente piegato più volte. Rifugiarsi al coperto, se si è stati investiti dalla sostanza inquinante e tossica o anche solo nel dubbio di essere entrati in contatto con essa, spogliarsi e lavarsi con acqua corrente possibilmente una doccia, e non indossare più gli abiti inquinati, ma depositarli se possibile in contenitori chiusi.
Seguire le procedure come descritte nel paragrafo "in casa".
Ad incidente avvenuto non consumare cibi o generi espositi e contaminati e bere solo acqua imbottigliata.
 
 IL TERREMOTO (Come comportarsi in caso di terremoto)
 
Discutere sulla possibilità che si verifichi un terremoto, soprattutto con i più piccoli. Immaginate che il terremoto si verifichi in una qualsiasi ora della giornata, e scegliete in ogni stanza i punti più sicuri dove rifugiarsi. I posti migliori sono sotto gli architravi, sotto i mobili robusti come il tavolo, il letto, ecc...
oppure in alternativa, contro il muro in un angolo, lontano comunque da librerie, pensili, finestre, specchi....Provate a ripararvi in ognuno di questi posti immaginando che tutto scuota per almeno 10 secondi. Insistete soprattutto con i bambini, che provino, giocando, tutte le posizioni sotto il tavolo, sotto il letto .....
 
IN CASA
Mantenere la calma evitando il panico. Portarsi vicino alle pareti più solide della casa (pilastri, muri portanti, architravi). Rifugiarsi sotto i tavoli, banchi di scuola, banchi di lavoro o usare le sedie come caschi sopra la testa.
Allontanarsi da finestre, vetrate, mobili o oggetti appesi. Non usare l'ascensore e non sostare sulle scale.
 
ALL'APERTO
Non ripararsi vicino ad edifici o sotto cornicioni.
Allontanarsi da linee elettriche e metanodotti e portarsi in spazi liberi. Se si è in macchina fermarsi in spazi liberi ed al sicuro.
Allontanarsi rapidamente dalle vicinanze di corsi d'acqua.
 
Dopo la scossa allontanarsi dell'edificio, perchè potrebbero esserci altre scosse di assestamento. Controllare che non vi siano fughe di gas. Usare il telefono solo per estremo soccorso.
 
SAPERE COSA FARE IN CASO DI EMERGENZA E' FONDAMENTALE PER LA SALVAGUARDIA PROPRIA E DEGLI ALTRI.
 
Ogni Comune fronteggia  le emergenze con un proprio "PIANO DI EMERGENZA" affinchè tutti debbano sapere quello che si deve e non si deve fare.
Il "Piano di Emergenza" in base al tipo di rischio individua gli enti ed i responsabili che interverranno per definire le azioni di tutte le strutture operative (Vigili del Fuoco, Forze di Polizia, Servizio Sanitario Nazionale, volontari di Protezione Civile ecc....).
 
 
La protezione civile Bergamo Sud organizza corsi di addestramento per nuovi volontari.
Gli interessati possono rivolgersi in sede (Mozzanica - Via E. Mattei n. 7) tutti i martedì dalle ore 21.00 alle ore 23.00; telefonare al numero 349 2123605; inviare una mail all'indirizzo: bergamosud@gmail.com