Sei in: Skip Navigation Links
Voto dei cittadini italiani residenti all'estero
Indietro

Il voto dei cittadini italiani residenti all'estero

 
Definizione e operazioni preparatorie:
 
I cittadini italiani residenti all’estero in possesso del diritto elettorale secondo la legislazione italiana possono esercitare tale diritto in occasione delle consultazioni elettorali che si svolgono in Italia, nei modi previsti dalle norme sull’elettorato attivo.
Al fine di garantire l’esercizio di tale diritto, ma al contempo di assicurare la regolarità degli adempimenti, è previsto uno scambio di informazioni tra i Comuni, il Ministero degli Interni, le rappresentanze Consolari all’estero e il Ministero degli Esteri.
Le liste preparatorie alle consultazioni elettorali sono compilate confrontando i dati AIRE e gli schedari consolari.
I diritto di voto da parte degli elettori all’estero viene esercitato in forme diverse a seconda del tipo di elezione.
 
Elezioni del Parlamento Europeo:
 
I cittadini che risiedono in uno stato extra UE possono votare solo in Italia. Il Comune di iscrizione elettorale invia loro l’apposita cartolina che li avvisa delle prossime consultazioni elettorali.
 
I cittadini che risiedono in uno Stato estero che fa parte dell’Unione Europea possono, in alternativa:
 
-        votare nello Stato in cui risiedono presso i seggi appositamente costituiti (non è previsto il voto per corrispondenza);
-        votare in Italia.
 
Elezioni Regionali e Amministrative (provinciali. comunali, circoscrizionali):
 
Non è prevista nessuna forma di voto all’estero. I cittadini possono votare solo tornando in Italia.