Sei in: Skip Navigation Links
    Campagna per la vaccinazione antinfluenzale in collaborazione con i Medici di assistenza primaria
    Indietro

    CAMPAGNA  VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE 2016/20176

    L'ASST Bergamo Ovest organizza la campagna per la vaccinazione anti-influenzale in collaborazione con i Medici di Assistenza Primaria.
      
     
            La campagna prenderà avvio il 2 novembre 2016

     

      
    Gli assistiti di età uguale o superiore a 65 anni
    , e coloro che sono inseriti nei programmi di Assistenza Domiciliare Programmata o Integrata, possono rivolgersi al proprio Medico curante per la somministrazione gratuita del vaccino, negli orari indicati dal singolo medico. Per i soggetti allettati o disabili, con difficoltà a raggiungere le sedi ambulatoriali, anche nell'ambito dei programmi ADI o ADP di tipo estemporaneo, la vaccinazione potrà essere eseguita al domicilio degli stessi da parte del medico di famiglia. 

    I bambini e gli adulti di età inferiore a 65 anni  possono rivolgersi alla sede ASL di Treviglio in via S. Giovanni Bosco 1 (ingresso B)  per la somministrazione gratuita del vaccino, il giorno 18/11/2016 dalle 14.00 alle 16.00 (in caso di impossibilità  telefonare al n.  0363/590900 per fissare altro appuntamento: apri la nota allegata per i dettagli

    )

     

    La vaccinazione ANTINFLUENZALE è offerta gratuitamente alle seguenti categorie a rischio:

    1.       Soggetti di età pari o superiore a 65 anni (nati nell’anno 1950 e precedenti);

    2.       Bambini di età superiore ai 6 mesi  ed adulti,  affetti da patologie croniche, quali:

    a)      malattie croniche a carico dell'apparato respiratorio (per i bambini:  inclusa l'asma di grado severo, la displasia broncopolmonare, la fibrosi cistica, la BPCO);

    b)      malattie dell'apparato cardio-circolatorio (comprese cardiopatie congenite e acquisite);

    c)       diabete mellito e altre malattie metaboliche (inclusi obesi con BMI >30 e gravi patologie concomitanti);

    d)      tumori;

    e)      epatopatie croniche; malattie renali con insufficienza renale cronica;

    f)        malattie infiammatorie croniche e sindromi da malassorbimento intestinali;

    g)      malattie degli organi emopoietici ed emoglobinopatie;

    h)      malattie congenite o acquisite che comportino carente produzione di anticorpi, immunosoppressione indotta da farmaci o da HIV;

    i)        patologie per le quali sono programmati importanti interventi chirurgici;

    j)        malattie neuromuscolari associate ad aumentato rischio di aspirazione delle secrezioni respiratorie;

    3.       Bambini e adolescenti in trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico, a rischio di Sindrome di Reye in caso di infezione influenzale;

    4.       Donne che saranno nel secondo e terzo trimestre di gravidanza durante la stagione epidemica;

    5.       Persone residenti presso strutture sanitarie e socio-sanitarie per lungodegenti;

    6.       Medici e personale sanitario di assistenza, personale di assistenza case di riposo ed anziani a domicilio;

    7.       Persone conviventi con soggetti ad alto rischio che non possono essere vaccinati;

    8.       Personale che, per motivi di lavoro, è a contatto con animali che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzali non umani;

    9.       Forze di polizia e vigili del fuoco.